REBEL MATTERS PDF Print Email

Call for papers and projects REBEL 

rebel matters_prog_web-1-1

PROGRAMMA PDF

Agli inizi del '900 il termine “avanguardia” si estende dall'ambito militare a quello politico e da quest'ultimo a quello artistico, presso il quale godrà di particolare fortuna. Queste variazioni semantiche hanno una spiegazione semplice: i movimenti politici che acquisiscono tale parola nel proprio lessico sono votati alla rivoluzione e dunque disposti alla sollevazione armata; d'altra parte le correnti artistiche che si definiscono d'avanguardia sono caratterizzate da una concezione politica e sociale delle questioni estetiche. Ciò contribuisce a spiegare la centralità dell'architettura nello sviluppo delle avanguardie storiche: essa sembrava presentarsi come naturale connessione tra il fare artistico, le questioni sociali o economiche e il potere politico.

La fine delle grandi narrazioni ideologiche pare aver privato i movimenti artistici radicali di quel carattere politico che ne costituiva la cifra dominante. Se le avanguardie hanno svolto un ruolo preciso nell’ambito di processi storici ben definiti, quella che qualcuno individua come la fine della storia non può che stimolare l’indagine sulla possibilità, per l’architettura, di definirsi oggi davvero radicale/ribelle e non meramente trasgressiva. Eppure la crisi economica, sociale e culturale che il mondo occidentale sta attualmente sperimentando sembra suggerire la necessità di un nuovo ruolo politico del progetto.

 

 


 

MED.NET.11 | Foto




Valid XHTML & CSS | Template Design DSA UNIGE | Copyright © 2010 by UNIGE